“SEI GRASSA, FAI SCHIFO, NON VEDI QUANTO SEI BRUTTA?”

Notizia di qualche giorno fa, a Como, una madre picchiava, umiliava e insultava la figlia 16enne, costringendola a mangiare solo verdura se superava i 50 kg.

La ragazza è alta 1 metro e 72 centimetri e, con un peso inferiore a 50 kg, il suo indice di massa corporea risulta essere di 16.9, ossia visibilmente sottopeso secondo la medicina.

Questo comporta molti disturbi, tra cui: svenimenti, scomparsa del ciclo mestruale, emicranie, stato perenne di debolezza, a cui va aggiunto lo stato di prostrazione psicologica continua.

Fortunatamente la zia ha denunciato la madre, la quale è stata allontanata dalla ragazza. Tuttavia, questo caso non è il solo.

Sono arrivate molte altre testimonianze di donne, anche 50enni, che venivano pesantemente insultate dai genitori per il loro peso, seppur, in molti casi, fosse un peso sano:

“Da tutta la vita ho problemi con il cibo: ricordo che mio padre mi appellava con “Grassa, sei grassa, fai schifo! Non ti si vedono più gli occhi, li hai coperti di grasso” e io mi rifugiavo nel cibo per il dolore… avevo dieci anni.” (Tiziana)

“Una volta mia madre mi svuotò un pacco di biscotti nella vasca mentre io ero dentro, dicendo che avrei dovuto farmici il bagno.
Mi diceva continuamente che ero “un porco”, che ero “obesa”. (Lucia)

“Ho 42 anni e mia madre mi assilla tutti i giorni da quando sono una bambina….non so più come fare per farla smettere.” (Stefania)

“Io ho quasi 57 e mia madre un giorno si e quell’altro pure mi ricorda che ho i rotolini. Fino al giorno in cui mi sono sposata ho mangiato la pasta nel piatto della frutta, perché dovevo mangiare poco.” (Roberta)

“Lo fa pure mia madre con me, io ingrasso e dimagrisco, ma la mia costituzione fisica non mi fa scendere oltre i 58 kg e per lei sono comunque grassa.” (Sara)

“Non mangiare quei biscotti, non vorrai che ti venga il cu*one?! Le donne grasse fanno schifo, non le vuole nessuno!” Detto ad una bambina di 11 anni, decisamente magra per la sua età e costretta a fare molto sport. (Patrizia)

“Quando avevo 15 anni ero continuamente tormentata per il mio peso, da tutti: compagni di classe, amici, parenti. Andai dalla dottoressa per chiederle una dieta, perché non ne potevo più e mi vergognavo. Ero alta 1.70 e pesavo 55 kg, la dottoressa calcolò il mio indice di massa corporea e mi disse che ero perfettamente normopeso, ed anzi, ero nella parte bassa del range e se fossi dimagrita di più, sarei diventata sottopeso. Mi disse che lei come medico non poteva prescrivermi diete dimagranti, poiché sarebbe stato contro la mia salute. Ricordo ancora la frustrazione per tutte le offese che ricevevo nonostante io non fossi sbagliata.” (Paola)

La cosa più triste di questi racconti è che, guardando le foto di queste donne, nessuna di loro è obesa, anzi, alcune di loro hanno un peso medio basso.

In Italia viene proposta un’immagine estetica di donna molto magra, ben al di sotto del peso consigliato dai medici. Si è talmente convinti che quella sia la corporatura “giusta” che non ci si rende nemmeno contro di chi sia sano e di chi non lo sia.

Manca la consapevolezza di cosa sia una forma fisica sana e soprattutto manca il rispetto e l’accettazione per fisici non conformati ai dettami della moda.

Ancora una volta, vi consiglio di utilizzare il calcolo dell’indice di massa corporea quando pensate di essere grasse e non andare bene così come siete (potete calcolarlo facilmente sul sito della salute del governo: http://www.salute.gov.it/portale/salute/p1_5.jsp?id=135&area=Vivi_sano). Se avete dubbi, chiedete al vostro medico.

Non paragonatevi alla pubblicità: è la pubblicità ad essere sbagliata, non voi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: