Anziano tenta di violentare la badante, il giornalista ci scherza su!

Giornalismo tossico: tentativo di stupro di un anziano sulla badante diventa atto goliardico.

Anziano tenta di stuprare la badante, ma quasi quasi c’è da sorridere e addirittura congratularsi con lui per “la sua audacia e i suoi ardori alla veneranda età”.

Ecco come descrive la notizia il Corriere dell’Adriatico:

Ottantanove anni e non sentirli”

“La veneranda età evidentemente non ha placato gli ardori di un anziano .”

“Il vecchietto ha manifestato in modo molto esplicito le sue intenzioni verso la signora.”

E si conclude con una chiosa da far rabbrividire: “Per l’audace 89enne vista l’età non c’è ovviamente il rischio del carcere, ma i suoi ardori gli costeranno ora un provvedimento giudiziario per tentata violenza sessuale”.

Articolo del Corriere dell’Adriatico.

Non solo viene giustificato il caro e simpatico “vecchietto”, perché insomma, soddisfare le voglie sessuali è un bisogno e un diritto fondamentale degli uomini, no?

Ma viene anche ammirato e complimentato per la sua audacia, per gli ardori, per la voglia di vivere!

E infine, si fa un bel sospiro di sollievo perché “fortunatamente” non rischia la galera, vista l’età, però poverino, dovrà affrontare un provvedimento giudiziario, per una cosa tanto naturale e giusta come i suoi “ardori”.

Mancava solo scrivere che quella cattivona e insensibile della badante, che l’ha denunciato, poteva farsi una risata e si faceva l’en plein.

Forse non è ancora chiaro che stuprare (o anche solo tentare di stuprare) una donna è un atto criminale, vile, violento. Non c’è nulla di audace, non è un diritto, non è un desiderio o uno sfogo naturale.

Sorridere di un tentativo di stupro, giustificarlo e addirittura ammirarlo è altrettanto vile e criminale.

Non si possono e non si devono accettare tali narrazioni.

Il giornalista che ha scritto questo articolo deve essere denunciato e deve pagare per ciò che ha scritto.

E come lui tutti gli altri che scrivono titoli e testi che velatamente giustificano i carnefici e incolpano le vittime, perché queste narrazioni tossiche sono complici di una mentalità malata, che viene alimentata dal sentire comune che lo stupro non solo non sia grave, ma anzi, è qualcosa di cui divertirsi, di cui vantarsi.

Poi non stupiamoci se dei ragazzi si fanno stampare sulle magliette e prenotano un tavolo in discoteca con slogan che inneggiano allo stupro, non stupiamoci se ci sono politici e personaggi famosi che augurano stupri alle avversarie o alle donne con cui non concordano, e soprattutto non stupiamoci se quegli stupri vengano effettivamente commessi, anche da ragazzini giovani.

È ora di dire basta.

Faremo la segnalazione all’ordine dei giornalisti e non ci fermeremo finché giustizia non sarà fatta.

Ihaveavoice si impegna tutti i giorni nella lotta contro le violenze e disparità di genere, senza scopo di lucro. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per portare avanti le nostre iniziative.

Sostienici con una donazione, anche la più piccola può fare la differenza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: