Noa, 17enne stuprata, muore per eutanasia.

Noa Pothoven, di Arnhem, in Olanda, ha chiesto e ottenuto di morire tramite eutanasia, domenica, a casa sua, con il supporto dei medici di una clinica e con sua madre accanto.


Era stata violentata quando era solo una bambina e da allora non ha mai smesso di soffrire: anoressia, depressione, disturbo da stress post-traumatico.

Aveva un blog e un profilo Instagram dove raccontava la sua «non vita» come lei stessa aveva scritto. Ha anche pubblicato una autobiografia «Vincere o imparare», dove raccontava la battaglia contro il disagio mentale, «per provare ad aiutare altre giovani come lei, visto che in Olanda non esistono istituzioni o cliniche specializzate per ragazzi con questo tipo di problemi», come aveva lei stessa dichiarato.

Su Instagram, nel suo ultimo messaggio, ha scritto: «A lungo ho pensato se condividere questo ultimo post. Forse sembrerà inaspettato, ma questo è un progetto che ho da molto tempo, non è una decisione d’impulso. Entro massimo 10 giorni morirò. Dopo anni di battaglie, il combattimento è finito. Ho smesso di bere e mangiare e dopo molte discussioni e valutazioni, è stato deciso di lasciarmi andare perché la mia sofferenza è insopportabile».

«Respiro, ma non ho mai vissuto», scrive.

Conclude chiedendo agli amici e agli oltre 8 mila follower di «Non cercare di convincerla». «Amore è lasciare andare, in ogni caso» .

Non ci sono parole per descrivere questa sua scelta, si può solo accettare ciò che ha fatto, unendosi al suo dolore e a quello della sua famiglia.

L’unica cosa che possiamo dire è: una vita di una bambina prima e adolescente poi rovinata, distrutta, spezzata da un essere indegno che ha brutalmente approfittato di lei.

Non sappiamo i dettagli di quella violenza, ma sappiamo che chi fa certe nefandezze deve essere punito in modo più che esemplare, senza sconti di pena, perché alla vittima, nessun giudice o legge è in grado di togliere o anche solo diminuire il suo dolore, che la accompagnerà per sempre.

Inoltre, è auspicabile che ci siano dei percorsi di aiuto per le vittime di queste tragedie, che non possono essere lasciate sole.

Le violenze non si possono sottovalutare.

Addio Noa, che tu possa trovare la leggerezza di cui tanto avevi bisogno.



Ihaveavoice non ha scopo di lucro, aiutaci a sostenere le nostre iniziative con una donazione, anche la più piccola può fare la differenza! 
Donare è facile, clicca qui sotto sul pulsante di PayPal!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: