Segnali di una relazione violenta

I segnali che ci permettono di riconoscere una relazione violenta.

Ci sono dei segnali per capire il prima possibile se la relazione con il nostro partner potrebbe diventare violenta?

La violenza tra partner può essere qualsiasi atto di aggressività fisica, psicologica e/o sessuale e qualsiasi altro comportamento lesivo esercitato da un partner sull’altro.

Secondo l’ISTAT, il 30% delle donne almeno una volta nella vita ha vissuto atti di violenza fisica o sessualizzata all’interno di un rapporto di coppia, con una maggiore percentuale fra i 40 e i 44 anni, mentre circa il 54,9% delle donne assassinate sono state uccise dal partner del momento o da uno precedente.

L’esperto di violenza domestica, Michael P. Johnson, ha individuato due forme di violenza: “terrorismo intimo” e “violenza di coppia situazionale”.

Nel caso di “terrorismo intimo”, un importante fattore di rischio è costituito dalla presenza di comportamenti controllanti. Questi potrebbero includere:

  • minacce di violenza;
  • limitazione dei contatti sociali con amici e parenti;
  • controllo delle proprie finanze;
  • ostacolare la relazione con i propri figli.

A tali comportamenti, spesso, si associano atti più espliciti di violenza fisica verso il partner.

Questi comportamenti servono per infondere paura e incertezza nella vittima. Viceversa, nell’abusante si alimenta un senso di potere.

Inoltre, molto spesso il partner manifesta gelosia, che può oscillare da rabbia, se si trascorre del tempo in compagnia, a forme più estreme come stalking, ossia essere seguite o controllate, in genere senza il proprio consenso.

Un altro campanello di allarme è la presenza di convinzioni patriarcali, legate anche ad una violenza di coppia più situazionale. Per “violenza situazionale” si intende quel tipo di violenza generata da un conflitto reciproco, non motivata necessariamente dalla necessità di controllare o dominare l’altro. Questo tipo di violenza dipende molto dalla capacità della coppia di gestione dei conflitti (litigate) e dalle proprie dinamiche interpersonali. Un deficit di queste abilità predispone ad un maggiore uso di violenza.

Infine, alcuni autori parlano di un modello di “demand and withdraw” (letteralmente, richiesta e ritiro): quando il partner sviluppa una paura significativa dell’abbandono e richiede alla propria compagna sempre maggiori attenzioni e lealtà. Il non ricevere la risposta desiderata potrebbe indurre a conflitti e violenze nella coppia.

Queste forme di violenza non sono tipologie distinte, quanto piuttosto un continuum. Purtroppo, riconoscere di essere in una relazione abusante non è sempre facile. Non sempre ci sono lividi da mostrare come segni di riconoscimento. Eppure la violenza c’è ed è ben radicata e molto pericolosa.

Per capire se il vostro compagno potrebbe diventare violento, quindi, state attente ai suoi comportamenti:

– Vi limita? Non vuole che usciate con le vostre amiche? Non vuole che abbiate un lavoro o degli interessi? Vi dice che non siete in grado di fare ciò che volete?

– Vi controlla? È particolarmente geloso, non vi lascia i vostri spazi? Vuole essere presente ovunque voi andiate?

– Vi manipola? È incapace di discutere con rispetto? Se non fate quello che dice lui si arrabbia, vi insulta, ve lo fa pesare facendovi sentire in colpa?

Alcuni di questi segnali sono già visibili all’inizio della relazione, appena notate qualcosa che non va, drizzate subito le antenne, osservando bene i suoi comportamenti. Accertatevi di avere amici fidati o familiari a cui rivolgervi per avere un loro parere con cui confrontarvi, per evitare di cadere nella sua manipolazione. Se avete dubbi, rivolgetevi anche ad una psicologa.

Se iniziate a dubitare del vostro valore a causa di ciò che lui vi dice, lasciatelo subito, o rischiate di cadere in una pericolosa violenza psicologica che vi potrà rendere succube.

Al primo gesto aggressivo, lasciatelo subito, non ci sono scusanti per poterlo accettare e non potete rischiare di mettere in rischio la vostra vita.

E ricordatevi: chiedete sempre aiuto a qualcuno. Non cercate di affrontare tutto da sole.


Se avete bisogno, noi siamo qui per voi!


Aiutaci a realizzare il nostro progetto a sostegno delle donne. Dona ora >> clicca qua.

Ihaveavoice si impegna tutti i giorni nella lotta contro le violenze e disparità di genere, senza scopo di lucro. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per portare avanti le nostre iniziative.

Sostienici con una donazione, anche la più piccola può fare la differenza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: