Gessica Notaro contro Junior Cally a Sanremo

«Io e Junior Cally abbiamo una cosa in comune: entrambi indossiamo una maschera. Ma lui la usa per fare show e idolatrare la violenza, io per per rimediare ai danni della violenza subita».

Così Gessica Notaro, la modella riminese sfregiata con l’acido dall’ex fidanzato, parla in conferenza stampa a Sanremo.

Durante la prima serata del festival, Gessica ha proposto all’Ariston `La faccia e il cuore´, una canzone manifesto contro la violenza sulle donne: «Non ho voluto alimentare le polemiche, ma soltanto portare un messaggio forte di speranza, il modo migliore per rispondere a una situazione del genere. Quello che penso è evidente dai segni che porto sul volto».

Intanto Junior Cally si è esibito a Sanremo, nonostante tutte le proteste di tantissime associazioni femministe e di molti personaggi pubblici.

L’azione di boicottaggio, purtroppo, non è servita e, soprattutto, dobbiamo notare con amarezza, non ci sono state prese di posizioni da parte della Rai e degli organizzatori del festival.

Questo rimane una grande mancanza di rispetto verso le Donne e, come voi sapete bene, noi andiamo avanti con la nostra protesta #iononguardosanremo.

Detto ciò, è anche giusto dire che le azioni di boicottaggio, nella storia, non sono mai riuscite in pochi giorni, serve molto tempo per vincere le grandi cause e ottenere davvero rispetto per le Donne in Italia è una missione che richiederà anni di impegno.

Con il nostro sforzo e quello di tutte le altre associazioni, però, si è riusciti a porre questo tema all’ordine del giorno e se ne è discusso molto.

Apprezziamo quindi che durante questo festival tutti abbiano parlato di violenza maschile sulle donne, non era scontato.

Anche Junior Cally è stato costretto a prendere una posizione, per difendersi dagli attacchi.

Ovviamente ha detto che in realtà lui è contro la violenza sulle donne e che i suoi brani vanno interpretati: “Rifarei tutti i miei brani e non mi sono mai scusato, ribadisco sono contro ogni forma di violenza di ogni tipo ma non devo scusarmi e riscriverei tutti i miei testi perché è fiction”.

Il fatto che non si sia scusato è grave, tuttavia una scusa sarebbe stata come un’ammissione di colpevolezza, quindi era ovvio che non lo avrebbe fatto.

Almeno si è proclamato contro la violenza sulle donne e speriamo che testi del genere non siano più scritti e soprattutto che i ragazzini che seguono questi rapper abbiano la maturità per non prendere ad esempio i loro brani.

Alla fine, una piccola vittoria l’abbiamo portata a casa, ma c’è ancora tanta strada da fare e dobbiamo agire tutte insieme e non fermarci mai.

Unite si può!

Ihaveavoice si impegna tutti i giorni nella lotta contro le violenze e disparità di genere, senza scopo di lucro. Sostenete le nostre iniziative con una donazione, anche la più piccola può fare la differenza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: