Seviziata da 4 giorni, si getta dal balcone

Dopo la drammatica storia di Noa, questa settimana la dedicheremo tutta alle violenze che ancora troppe donne subiscono.

Abbiamo lanciato la campagna di sensibilizzazione #maipiùNoa, per aiutare le donne in difficoltà, per lanciare un messaggio chiaro agli uomini e per portare leggi più severe contro gli stupratori e i pedofili, attraverso una petizione: http://bit.ly/2MJwksP

Ieri a Milano, una ragazza, seviziata da 4 giorni in casa per mano del fidanzato, si è gettata nuda dal balcone.

L’uomo, il 39enne Giacomo Oldrati, era già stato in galera nel 2012 per sequestro di persona, violenza sessuale, lesioni aggravate e tentato omicidio.

Nella sua follia erano finite ben 4 donne, la sua ex fidanzata, la sua nuova fidanzata e due sue amiche, tutte coinquiline tra loro.

Ad aprile 2013, dopo qualche mese di galera, una perizia aveva stabilito che egli era totalmente incapace di intendere e di volere per bipolarismo. Così è stato scarcerato e portato in un ospedale psichiatrico, prima di essere sottoposto alla sorveglianza speciale nel 2014 a casa dei propri genitori a Milano. Nel 2018 venne assolto definitivamente per vizio di mente.

L’uomo quindi, con problemi psichiatrici che lo rendono violento, è a piede libero per far cadere nella sua follia altre donne innocenti.

Per i primi 3 anni di relazione, secondo la ragazza, tutto è andato bene, fino al 6 maggio scorso, quando egli l’avrebbe afferrata per i capelli e le avrebbe dato una testata in faccia. Lei, nonostante le ferite, non si è fatta medicare e non ha presentato denuncia. Sabato 1 giugno la violenza di Oldrati si è scatenata nuovamente: botte, calci, pugni e insulti.

Dopo quattro giorni di sevizie, la ragazza si è lanciata dal secondo piano, totalmente nuda, cadendo nel cortile del palazzo, riuscendo poi a fuggire e a dare l’allarme.


Da questa storia di violenza emergono due aspetti estremamente allarmanti:

1. la giustizia italiana che ancora una volta giustifica e lascia libero un uomo violento.

2. la ragazza che, alle prime avvisaglie di violenza, invece di denunciare, è rimasta con lui.


C’è un enorme bisogno di rivedere le leggi sulla violenza sulle donne e soprattutto c’è bisogno di una massiccia campagna di sensibilizzazione per far sì che le vittime abbiano la prontezza di denunciare subito. Non solo, gli uomini che hanno dei precedenti penali dovrebbero essere inseriti in una lista pubblica, affinché nessuna donna caschi nella loro rete.

Questi i punti della nostra petizione:

1. Le violenze sessuali, in particolar modo sui minori, devono avere pene molto più severe.

2. I bambini vanno tutelati affiancandoli a sedute obbligatorie annuali di controllo da parte di psicologi specializzati.

3. Chiunque sia in contatto con bambini e adolescenti (dallo sport, alla scuola, alla chiesa, ecc.) deve essere sottoposto a controlli psicologici annuali.

4. Chi si macchia di reati di pedofilia e violenza deve essere censito in database pubblici, in modo da tutelare altre possibili vittime.

5. Le vittime devono avere accesso a percorsi di sostegno psicologico, finanziati dallo stato.

6. Devono essere fatte massicce campagne di sensibilizzazione su questo tema.

Firmate la petizione qua: http://bit.ly/2MJwksP

Aiutateci a diffondere questa petizione il più possibile e supportateci in questa battaglia con una donazione:

Insieme possiamo farcela!

Unite, si può!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: